È tempo che la NHL metta fine alle interferenze e alle revisioni del fuorigioco

La simmetria era quasi perfetta.

Nella storia dell’incursione della NHL nel mondo della revisione dei replay, ci sono due momenti che si distinguono come punti di riferimento cruciali, i segnali chiave che ci hanno indicato dove siamo finiti. Il più recente è avvenuto nel 2013, quando il centro del Colorado Matt Duchene ha segnato un gol nonostante fosse a circa un miglio in fuorigioco.

Lo spettacolo è, fino ad oggi, ampiamente frainteso. Al guardalinee non è sfuggito il fuorigioco di Duchene; piuttosto, pensava che i Nashville Predators avessero indirizzato il disco nella propria zona, il che avrebbe annullato una chiamata di fuorigioco. Ma l’ottica era terribile. Tutto nello spettacolo sembrava sbagliato, compresa la silenziosa celebrazione di Duchene. Sapeva di averla fatta franca, così come tutti quelli che guardavano. E, alla fine, la confusione e la frustrazione per una chiamata persa così evidente si sono coalizzate attorno a una soluzione apparentemente semplice: perché non abbiamo una revisione dei replay per queste commedie?

E ora lo facciamo, ed è terribile, ma tieni questo pensiero. Perché per l’altro momento chiave dobbiamo tornare ancora più indietro. Ora è la finale della Stanley Cup del 1999 e siamo al triplo supplementare di Gara 6. Con i Buffalo Sabres che lottano per estendere la serie, Brett Hull dei Dallas Stars raccoglie un rimbalzo e segna il vincitore della Coppa.

Il pattino di Hull è chiaramente nella piega, e per quasi tutti i quattro anni precedenti, ciò aveva significato una facile chiamata senza gol, grazie a una regola chiara e secca che tutti noi odiavamo. Ma questa volta non c’è nessuna pausa per la revisione, nessun annuncio da parte dei funzionari. Lo Hull segna, i festeggiamenti sono iniziati e subito dopo Gary Bettman è là fuori con la Stanley Cup mentre i fan di tutto il mondo guardavano i replay e cercavano di capire come fosse adesso un gol che eravamo sicuri fosse stato respinto 100 volte prima. permesso di contare.

Anche questo gioco è frainteso, sebbene la maggior parte ricada sulla NHL. C’è un’interpretazione della regola della crease degli anni ’90 che consente ai giocatori di essere nella crease se hanno il possesso del disco, cosa che Hull, in un certo senso, fa. Secondo quanto riferito, c’era un promemoria proprio su questo tipo di gioco che era stato diffuso poche settimane prima del gol di Hull, anche se nessuno ha pensato di menzionarlo ai tifosi. Ma niente di tutto ciò ha davvero importanza, perché l’apparente mancanza di una revisione formale sarebbe la goccia che fa traboccare il vaso una regola che chiaramente non funziona. La NHL abbandonò la regola della piega quell’estate, uno dei pochissimi esempi dell’era di Bettman della lega che ammetteva un errore e si attivava per correggerlo.

La simmetria è quasi perfetta. Un po’ troppo perfetto, a dire il vero. Perché ora, dopo tutti questi anni, abbiamo un altro dibattito che coinvolge i Dallas Stars. Ancora una volta si tratta di un giocatore in piega. Ancora una volta, si tratta di Gara 6, ai tempi supplementari, di una serie che le Stelle stanno cercando di chiudere, proprio come quel famigerato gol del 1999.

E chi c’è in mezzo a tutto questo? Il nostro vecchio amico Matt Duchene.

Ecco lo spettacolo in questione, se per qualche motivo te lo sei perso. È venerdì sera o sabato mattina presto, a seconda di dove ti trovi. Siamo a metà del primo tempo supplementare e Mason Marchment sembra segnare quello che sarebbe il vincitore della serie. Ma l’arbitro sul ghiaccio respinge subito con enfasi e (a suo merito) spiega anche il motivo al pubblico: contatto sull’area blu, nessun gol.

E poi abbiamo guardato tutti il ​​replay e… oof.

Quello davanti è Duchene, il numero 95. Pattina fino alla piega del Colorado, ma si ferma di colpo, o forse no. Sta proiettando il portiere del Colorado Alexandar Georgiev e poi c’è qualche contatto con il difensore Cale Makar, spingendo Duchene un po’ più vicino. Ad un certo punto c’è un contatto leggerissimo con Georgiev, che finisce fuori posizione e non riesce a fermare il tiro in arrivo di Marchment.

È un’interferenza del portiere? Ormai conosci la procedura: nessuno lo sa, nessuno di noi capisce la regola, lanciano monete, ecc. Sai anche che non è vero e che il regolamento non è poi così complicato, e che con solo pochi In pochi minuti di apprendimento effettivo della regola, è possibile ottenerne circa il 90%, ma a questo punto la gente sembra amare mettere in scena una finta ignoranza.

In questo caso, tutto dipende dal fatto se Duchene sia nella piega o meno, ed è vicino. Sulla base dei replay che vediamo, non sembra esserlo. Forse lo è una volta che Makar arriva per stabilire un contatto, ma sarebbe il caso in cui la squadra in difesa costringesse la squadra in attacco nell’area di piega. Ai miei occhi, questo obiettivo sembra che debba contare, anche se entrambe le parti hanno ragione. Ma la chiamata sul ghiaccio non è un obiettivo, e la lega si è rinviata a questo con quella che sembra crescente frequenza in questa stagione, che è ciò che il regolamento dice che dovremmo fare. Quindi siamo in quel temuto 10%, dove non ne siamo veramente sicuri. E c’è una serie in gioco.

Alla fine, la parola scende. La chiamata sul ghiaccio resta. Nessun obiettivo. Ed è giusto dire che la maggior parte dei fan che guardavano non sembravano essere d’accordo. Una delle cose che succedono quando vai in giro come una sorta di esperto autoproclamato che scrive guide su regole controverse è che ai fan piace inviarti i loro pensieri quando avvengono quelle chiamate. Il mio sondaggio non scientifico dice che secondo voi la Lega ha sbagliato la decisione, in numeri molto grandi (anche se certamente non unanimi). La stragrande maggioranza di voi pensava che le Stelle fossero state derubate.

La cosa migliore che si può dire di quella chiamata è che alla fine non ha avuto importanza, perché lo stesso Duchene ha segnato nel doppio supplementare per chiudere la serie. Puck non mente e tutto il resto. È stato un risultato difficile per l’Avalanche, ma probabilmente fortunato per il campionato, che si è concluso con un controverso no-goal, ma non un no-goal che vivrà nell’infamia.

Nessun danno, vero? Beh forse.

Nel quadro generale, la squadra giusta ha vinto e tutti possiamo andare avanti. Ma non dovremmo farlo. Perché questo è chiaramente il gioco che ci dà un messaggio. Andiamo, è Matt Duchene, nel tempo supplementare di Gara 6 di un decisivo playoff dei Dallas Stars? Gli dei dell’hockey non potrebbero essere più evidenti qui. Stanno praticamente mettendo una grande insegna al neon lampeggiante sul ghiaccio, e quel cartello dice «Correggi replay».

Quindi facciamolo. Sistemiamo il sistema di replay, nel modo migliore e più semplice possibile: eliminandolo.

Questo è tutto. Questa è la risposta, gente. Sì, ci sono altri modi in cui potremmo farlo, modi che rappresenterebbero enormi miglioramenti nell’attuale caos di un sistema. Ho lanciato io stesso alcune di queste idee. Ma perché accontentarsi di essere un po’ migliori quando possiamo risolvere questo problema una volta per tutte?

Gettalo via. Cestinatelo. Niente più revisione dei replay, per interferenza o fuorigioco. E’ ora di fare quello che fece la Lega nel 1999, e leggere i segni sul muro. Questa volta abbiamo anche la possibilità di farlo Prima l’inevitabile disastro che rovinerà una finale della Stanley Cup.

La regola dell’interferenza del portiere non è così complicata come pensi, ma è pessima per la revisione dei replay perché quasi tutte le varie contingenze sono soggettive. Il contatto è stato casuale? Ha impedito al portiere di svolgere il suo ruolo? Ha avuto il tempo di riprendersi e resettarsi? Tutto ciò rientra in una zona grigia dell’opinione di un funzionario. Eppure interrompiamo ancora il gioco per revisioni estese con il pretesto di «fare le cose per bene», cercando e scansionando l’unico fermo immagine che metterà tutti d’accordo. Non lo troviamo mai e poi mai. Invece, ci ritroviamo con una decisione su cui nessuno è d’accordo. Una base di fan pensa che sia ovvio nella loro direzione, l’altra pensa che sia ovvio per loro, e tutti gli altri alzano le spalle e non sono completamente sicuri, non importa quante angolazioni otteniamo.

Se il tuo sistema è a posto perché devi farlo bene e nessuno pensa che tu lo faccia, allora il tuo sistema è rotto. Sbarazzarsi di esso.

Poi c’è il fuorigioco, un gioco almeno teoricamente oggettivo. Sei oltre il limite, oppure no, e a meno che non si tratti di uno di quei giochi anomali in cui dobbiamo discutere sul possesso palla, dovremmo essere in grado di trovare quel fermo immagine che ci metta tutti d’accordo. E lo facciamo! Di tanto in tanto. Ma la maggior parte delle volte non lo facciamo. L’angolazione non è del tutto corretta, oppure il filmato non è abbastanza chiaro, oppure finisce per essere troppo vicino per essere chiamato. E nonostante tutto, ci sono buone probabilità che l’ingresso in esame sia avvenuto ben prima del gol, magari con qualche cambio di possesso palla nel mezzo. Cosa stiamo facendo qui?

Abbiamo messo in atto il sistema per catturare una ripetizione di quell’errore iniziale di Duchene e, oltre un decennio dopo, non ne abbiamo avuto nemmeno uno. Invece, abbiamo video coach che controllano ogni ingresso in zona, alla ricerca di carte per uscire gratis di prigione. Abbiamo guardalinee che stanno chiaramente lasciando andare le azioni ravvicinate, perché sanno che il replay è in agguato. Abbiamo avuto ragazzi che cambiavano linea, completamente fuori dal gioco, rimanendo intrappolati in dettagli tecnici che decidono una partita 7.

E nonostante tutto questo, a una generazione di fan è stato insegnato a non entusiasmarsi troppo per un obiettivo, perché non si sa mai quando quel replay casuale lo toglierà dal tabellone. Una lega affamata di attacco ha insegnato al suo pubblico che alcuni gol devono essere cancellati dal record, solo perché. Ogni momento emozionante è seguito da un’inquadratura di un allenatore svogliato che fissa un iPad. Innumerevoli partite si sono fermate. L’eccitazione scemò dagli edifici.

Tutto in nome del fatto di farlo bene, il che nessuno pensa che lo stiamo davvero facendo.

Sono tutti arrabbiati in continuazione. Letteralmente ogni fan base pensa che la stanza della situazione di Toronto sia prevenuta contro di loro personalmente. Tutti fingono di non comprendere le interferenze. Nessuno può strizzare gli occhi abbastanza da sapere su quale pixel della linea blu dovremmo fissarci. Ci urliamo tutti addosso, costantemente. Le emittenti della lega accusano gli arbitri di scommettere sulle partite. È diventata tutta una gara a chi riesce ad essere più arrabbiato, sempre, al volume più alto. È estenuante.

Nessuno pensa che funzioni. Ma siamo convinti di dover continuare a farlo, perché cosa succederebbe se tornassimo indietro e ci perdessimo qualcosa?

Ebbene, e se così fosse? Voi fan di vecchia data là fuori: per quante chiamate di fuorigioco perse ricordate di essere stati arrabbiati, in passato? Certo, Leon Stickle, che era nel 1980. Quanti altri? E l’interferenza del portiere? È stata una commedia a cui hai pensato molto prima del replay?

Non proprio. Invece, abbiamo tutti capito che a volte ci sarebbe stato un rischio, a volte sarebbe andato contro la tua squadra, e quella era la vita da tifoso sportivo. Questo non vuol dire che non ci siamo arrabbiati, o non ci siamo lamentati, o abbiamo passato circa 30 anni a piangere per questo. Ma abbiamo capito che questo è il modo in cui funziona lo sport, e non ci aspettavamo che l’intero gioco si fermasse un paio di volte a notte in modo da poter trovare un fotogramma di filmato su cui ossessionarsi, il tutto ottenendo la maggior parte delle chiamate giuste. ma alcuni sbagliano, perché questo è lo sport.

Non sto dicendo che abbandoneremo del tutto il replay. Ci sono elementi del gioco in cui funziona perfettamente, esattamente come previsto. Conservatelo per capire se fosse scaduto il tempo prima di un goal, assolutamente. Usalo per determinare se un disco ha oltrepassato la linea, purché tu capisca che a volte non ne sarai sicuro. Continua a usarlo per i goal segnati, se insisti, anche se neanche questo funzionerà sempre.

Ma i fuorigioco arrivano al millimetro? No. E le chiamate di interferenza del portiere sono quasi del tutto soggettive? Assolutamente no. Perché in questo momento non stiamo facendo le cose nel modo giusto, almeno non nel modo che ci era stato promesso. Stiamo discutendo di più, non di meno. E non stiamo facendo sentire meglio nessuno riguardo all’arbitraggio della NHL. Non abbiamo più bisogno di farlo.

Lo so. Lo sai. E lo sanno anche gli dei dell’hockey, che per questo venerdì sera ci hanno colpito in pieno occhio con un messaggio decisamente esagerato. Questa volta, sono stati anche così gentili da farlo in un modo che non è costato una serie a una squadra o ha creato una controversia che ricorderemo tra anni. La prossima volta, potremmo non essere così fortunati.

Duchene ci ha messo in questo pasticcio. Forse può essere lui a salvare anche noi. Elimina la revisione dei replay, accetta che ci saranno chiamate che non vanno a favore della tua squadra e conviviali. Come abbiamo scoperto nel 1999, questa opzione non è perfetta, ma è molto meglio dell’inevitabile alternativa.

(Foto dell’arbitro Dan O’Rouke: Claus Andersen / Getty Images)

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *