L’industria della marijuana spera in nuovi massimi

Per anni, i sogni dell’industria della cannabis sembravano destinati ad andare in fumo, con il governo degli Stati Uniti che classificava la marijuana come una droga pericolosa quanto l’eroina. Ma l’industria multimiliardaria ora ha qualche speranza che possa cambiare.

Le azioni delle società legate alla cannabis stanno aumentando vertiginosamente, poiché l’amministrazione Biden valuta l’allentamento delle restrizioni federali sulla marijuana, senza però depenalizzarla completamente. La scommessa è che questo darà al settore una nuova prospettiva di vita, anche se non dovrebbe aspettarsi grandi cambiamenti nell’immediato.

Cosa sta succedendo: Il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato martedì di aver raccomandato di cambiare la classificazione della marijuana da una droga della Tabella I (che crea una forte dipendenza senza uso medicinale) a una della Tabella III (più simile al Tylenol con codeina). Sebbene il dipartimento possa ancora perseguire i trasgressori, ha già affermato che ciò non è una priorità elevata.

La notizia ha rafforzato le azioni della cannabis. Martedì le azioni di Tilray, un gigante del settore, sono balzate del 39%, mentre quelle di Canopy Growth sono balzate di quasi il 79%. Questa è una buona notizia per gli investitori di entrambe le società: le azioni di Canopy Growth sono scese del 97% negli ultimi cinque anni, mentre quelle di Tilray sono scese del 95%.

Nuove regole potrebbero scatenare agevolazioni fiscali che non sono disponibili per le aziende che trattano sostanze della Tabella I o della Tabella II, portando probabilmente a prezzi più bassi e a più assunzioni. Potrebbe anche rafforzare gli investimenti: “Prevediamo un aumento della liquidità man mano che il capitale messo da parte entra nel mercato, attratto dal potenziale di prosperità delle attività legali”, ha affermato Morgan Paxhia di Poseidon Asset Management.

Un grande cambiamento sarebbe se i giganti finanziari iniziassero a lavorare con le aziende produttrici di cannabis. I fornitori di servizi, tra cui Mastercard e gli intermediari, non vogliono essere coinvolti in transazioni che coinvolgono sostanze proibite a livello federale. Il rientro dei servizi finanziari tradizionali rappresenterebbe un enorme vantaggio per tali società.

È una decisione che è stata preparata per anni. Il presidente Biden si è candidato alla carica nel 2020 impegnandosi a depenalizzare la marijuana e ad allentare le condanne per il suo uso. Inoltre, non è esente da controversie: Anne Milgram, amministratore della Drug Enforcement Administration, ha espresso preoccupazione per la mossa.

Anche l’industria della cannabis si è opposta alle leggi federali esistenti. Un gruppo di aziende ha citato in giudizio il Dipartimento di Giustizia, sostenendo che il governo federale stava oltrepassando la sua autorità costituzionale sul commercio interstatale, limitando le aziende che operano interamente all’interno degli stati.

David Boies, il famoso avvocato che rappresenta quelle società, ha affermato che la mossa dell’amministrazione Biden era in ritardo. “Riconosce, come abbiamo affermato, che non esiste alcun legittimo interesse nazionale a criminalizzare la marijuana legalizzata dagli stati”, ha detto a DealBook.

Non aspettatevi però grandi cambiamenti da un giorno all’altro. La raccomandazione del Dipartimento di Giustizia avvia un lungo processo normativo che comprende un periodo di commento pubblico, il che significa che i cambiamenti finali sono lontani.

La polizia ha allontanato i manifestanti da un edificio della Columbia che avevano occupato. Decine di manifestanti filo-palestinesi sono stati arrestati dopo che funzionari dell’università avevano affermato che la Hamilton Hall era stata “vandalizzata e bloccata”; è stato sgomberato anche un accampamento nel campus. La polizia di Los Angeles è stata chiamata all’Università della California, a Los Angeles, dopo che i funzionari avevano riferito che nel campus erano scoppiati violenti scontri.

L’ex CEO di Binance viene condannato a quattro mesi di prigione. Changpeng Zhao, che si è dichiarato colpevole di violazione delle norme sul riciclaggio di denaro, ha ricevuto una pena inferiore ai tre anni raccomandati dai pubblici ministeri. Con una fortuna stimata in 33 miliardi di dollari, potrebbe essere il detenuto federale più ricco di sempre nella storia degli Stati Uniti.

Elon Musk ha chiuso l’intero team di ricarica dei veicoli elettrici di Tesla. Martedì sono stati licenziati circa 500 dipendenti dell’unità che ha costruito la rete di ricarica più grande e affidabile negli Stati Uniti. La decisione a sorpresa solleva interrogativi sul futuro di un’unità precedentemente considerata fondamentale per la posizione dominante di Tesla nel mercato. Musk ha dichiarato sulla piattaforma di social media X che Tesla si concentrerà sull’espansione della capacità delle stazioni di ricarica esistenti.

Gli investitori puniscono Starbucks e CVS per le scarse vendite trimestrali. Le azioni di Starbucks sono scese di oltre il 12% nelle negoziazioni pre-mercato dopo che il gigante del caffè ha riportato ricavi e profitti peggiori del previsto e ha abbassato le sue previsioni finanziarie. (Le sue azioni sono scese del 30% da quando Howard Schultz, il suo CEO di lunga data, ha lasciato la società l’anno scorso e Laxman Narasimhan ha preso il timone.) E le azioni di CVS sono scese del 12% dopo che la catena di farmacie ha affermato che l’aumento dei costi medici ha causato il calo dei profitti e un calo dei profitti. previsioni di utili più bassi.

La grande scommessa di Amazon secondo cui l’intelligenza artificiale potrebbe essere la base per la sua prossima era di crescita sembra dare i suoi frutti: le azioni del colosso tecnologico sono aumentate nelle negoziazioni pre-mercato mercoledì dopo che i suoi profitti trimestrali hanno battuto le aspettative degli analisti. Gran parte della sua crescita è derivata dal business del cloud computing, che alimenta l’utilizzo dell’intelligenza artificiale aziendale.

Gli ottimi risultati, insieme a quelli della scorsa settimana di Microsoft e Alphabet, mostrano che gli investitori sono disposti a tollerare grandi spese nell’intelligenza artificiale, almeno da parte delle aziende che forniscono i picconi e le pale per costruire le sue infrastrutture.

Amazon ha riportato i migliori risultati del primo trimestre, con circa 143 miliardi di dollari di entrate complessive e circa 10 miliardi di dollari di profitti. Ancora più importante è quello che è successo alla sua divisione cloud, Amazon Web Services, che rappresenta circa un quinto del fatturato totale: le vendite sono aumentate del 17%, a 25 miliardi di dollari, mentre l’utile operativo è salito dell’84% a 9,4 miliardi di dollari.

La società non ha rivelato quanta parte di tali entrate provenisse dall’intelligenza artificiale, ma i dirigenti hanno notato un aumento nella disponibilità di tali servizi. (Amazon ha investito miliardi nella start-up di intelligenza artificiale Anthropic e sta rendendo il chatbot AI Q più ampiamente disponibile tramite AWS)

Wall Street approva Alcuni tipi di spesa per l’IA. Le azioni di Microsoft e Alphabet sono balzate dopo i loro resoconti sugli utili della scorsa settimana, ma quelle di Meta sono crollate, nonostante tutti e tre abbiano annunciato che avrebbero speso molto di più nella tecnologia. (Così farà Amazon: Brian Olsavsky, il suo CFO, ha detto martedì agli analisti che i 14 miliardi di dollari che la sua azienda ha speso in spese in conto capitale e locazioni in questo trimestre sarebbero il Basso punto dell’anno.)

Una grande differenza: Alphabet, Amazon e soprattutto Microsoft hanno riportato guadagni nelle loro attività cloud, molto probabilmente a causa dell’aumento della domanda aziendale di servizi informatici per supportare le loro applicazioni AI. Meta, le cui applicazioni di intelligenza artificiale sono più focalizzate sui servizi rivolti ai consumatori, probabilmente impiegherà più tempo per vedere i suoi ingenti investimenti nella tecnologia ripagare.

Anche altri nel settore tecnologico stanno cercando opportunità nell’infrastruttura AI. I data center sono un’area di interesse. Quest’anno il colosso del private equity Silver Lake ha investito 6,4 miliardi di dollari in un importante fornitore di data center, mentre anche Alphabet, Amazon, Microsoft e Meta stanno investendo molto nei propri centri.

Le richieste energetiche del settore sono un altro focus: Sam Altman, CEO di OpenAI, ha sostenuto una start-up sulla fusione nucleare per fornire più elettricità per alimentare gli hub di intelligenza artificiale.


Martedì, il segretario al Tesoro Janet Yellen ha discusso con i legislatori repubblicani in un’udienza alla Camera sugli ultimi piani fiscali dell’amministrazione Biden, una battaglia che durerà fino alle elezioni di novembre.

La Casa Bianca è favorevole all’aumento delle tasse sulle aziende e sui ricchi americani, dopo aver delineato gli aumenti nella proposta di bilancio pubblicata a marzo. La scorsa settimana il presidente Biden ha anche dichiarato che, se sarà rieletto, lascerà scadere i tagli fiscali attuati da Donald Trump nel 2017 nel dicembre 2025.

Gli investitori seguono attentamente il dibattito fiscale. L’elevata spesa pubblica e l’aumento dell’emissione di buoni del Tesoro hanno fatto sì che molti nel mercato si preoccupassero di cosa significherebbe il crescente deficit federale per le azioni. Altri, tuttavia, temono che l’estensione dei tagli fiscali di Trump possa anche danneggiare i loro investimenti.

La Yellen sostiene che un potenziale aumento delle tasse non danneggerebbe la classe media. Ai legislatori repubblicani piace il Rappresentante Jason Smith del Missouri, presidente dell’House Ways and Means Committee, ha affermato che la politica di Biden danneggerebbe le famiglie già schiacciate dall’inflazione. Ma Yellen ha detto che gli aumenti delle tasse non si applicheranno a chi guadagna meno di 400.000 dollari.

Un altro punto di dibattito è stata un’iniziativa fiscale globale. I repubblicani hanno affermato che tale misura danneggerebbe le aziende americane. Ma Yellen, che ha contribuito a mediare un accordo internazionale sulla tassazione minima nel 2021, ha sostenuto che l’amministrazione stava lavorando a un’esenzione per gli Stati Uniti

Ha aggiunto che la mancata adesione potrebbe esporre le imprese che operano all’estero a ritorsioni da parte di altri governi.


I sondaggi hanno costantemente dimostrato che la maggior parte degli americani non è soddisfatta della gestione economica del presidente Biden, anche dopo aver introdotto alcune delle decisioni di politica industriale più importanti da generazioni.

Una grande sfida per la campagna di rielezione di Biden è mostrare come misure distintive come l’American Rescue Plan e l’Inflation Reduction Act, che hanno portato a spendere miliardi di dollari di denaro federale in tutto il paese, abbiano migliorato la vita degli elettori.

«Il legame tra le risorse stesse e tutto ciò che accade sul campo e che è visibile alla gente è molto opaco», ha detto al Times Robert Kraig, direttore esecutivo del gruppo di difesa progressista Citizen Action del Wisconsin.

Ron Klain, ex capo dello staff di Biden, ha detto che il presidente si collegherebbe maggiormente con gli elettori se passasse più tempo a parlare di argomenti come la spesa invece che di ponti. Ma Lydia DePillis del Times riferisce che i funzionari dell’amministrazione Biden stanno lavorando duramente per mostrare agli elettori in stati cruciali come il Wisconsin come il suo le politiche hanno aiutato – e perché i democratici dovrebbero ottenere il merito.

Sebbene nessun repubblicano abbia votato per l’American Rescue Plan Act o l’Inflation Reduction Act, sono stati spesso presenti agli eventi che ne mostravano i risultati.

Quindi i funzionari democratici, sia federali che locali, stanno intensificando gli sforzi per spiegare la fonte del denaro. Il segretario al Tesoro Janet L. Yellen ha visitato Milwaukee a gennaio, seguito da Biden a marzo per evidenziare i beneficiari dei nuovi finanziamenti federali, tra cui una revisione da 36,6 milioni di dollari di un’arteria centrale e investimenti nella formazione della forza lavoro. Anche il ministro dell’Energia Jennifer M. Granholm ha fatto visita a marzo per richiamare l’attenzione sugli incentivi che hanno promosso la produzione locale di apparecchiature per l’energia pulita…

«Questo film è ancora in proiezione», ha detto Gene Sperling, coordinatore della Casa Bianca per l’attuazione del piano di salvataggio americano. «Fare la politica giusta è la cosa importante, e c’è ancora tempo per fare di meglio nel raccontare questa storia.»

Offerte

Politica

  • Donald Trump potrebbe finire in prigione dopo che il giudice che ha supervisionato il caso del silenzio di Manhattan lo ha multato per aver ripetutamente violato un ordine di silenzio. (NYT)

  • Secondo quanto riferito, i dipendenti di ByteDance e TikTok sarebbero stati interrogati dagli agenti di frontiera statunitensi sul loro accesso ai dati americani e se fossero membri del Partito comunista cinese. (Forbes)

Meglio del resto

  • All’interno di una cena anti-Biden organizzata da Elon Musk e dall’imprenditore David Sacks e alla quale hanno partecipato personaggi del calibro di Rupert Murdoch, Peter Thiel e Michael Milken. (Disco)

  • Paul Auster, il celebre romanziere che divenne uno dei principali autori newyorkesi della sua generazione, è morto martedì. Aveva 77 anni. (NYT)

Ci piacerebbe il tuo feedback! Si prega di inviare pensieri e suggerimenti via e-mail a dealbook@nytimes.com.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *